Enter your keyword

PRESENTATO OGGI IL PIANO INDUSTRIALE FIPARK

PRESENTATO OGGI IL PIANO INDUSTRIALE FIPARK

PRESENTATO OGGI IL PIANO INDUSTRIALE FIPARK

Firenze, 29.12.2008. Pronto il piano industriale 2009-2011 della Firenze Parcheggi S.p.A: anticipato a luglio nelle sue linee strategiche approvate dal CDA e all’approvazione dell’Assemblea dei Soci il prossimo gennaio.

Il Piano industriale, commissionato alla LeM Consulting, definisce le attuali criticità di gestione e da esse presuppone l’integrazione di tre livelli di intervento per fare uscire la Società dal momento di difficoltà economica dell’ultimo anno, quando il contraccolpo della scissione dei due rami d’azienda per l’affidamento del servizio di sosta di superficie a SAS S.p.A. da parte del Comune, ha lasciato solo il ramo aziendale di gestione dei parcheggi di struttura: 12 parcheggi di cui i 4 del project financing Firenze Mobilità, gestiti da Fipark, gli stessi 4 in perdita economica grave: Beccaria, Fortezza Fiera, Alberti, Montelungo.

“Firenze Parcheggi S.p.A. uscirà dalle difficoltà proseguendo su tre strade – dichiara il Presidente Lo Presti – : A) la concentrazione sul core business, il cambiamento di immagine del servizio e del comfort dei parcheggi, l’attenzione al cliente e l’offerta di servizi aggiuntivi alla mera sosta, che potrebbero consentire di acquisire ulteriore e diversa domanda attualmente inevasa; B) la collaborazione stretta con l’Amministrazione comunale che dovrà definire gli obiettivi attesi dell’Ente pubblico socio di maggioranza relativa (49%) nonché le nuove politiche della sosta e della mobilità che influenzano in modo determinante l’utilizzo dei parcheggi di struttura; C) infine la risoluzione della questione relativa ai parcheggi del project financing, quelle strutture che attualmente dimostrano grande criticità di fruizione e pesano nel bilancio aziendale portandolo al segno negativo. Infatti l’elevato livello dei canoni d’uso rapportato all’insufficienza dei ricavi hanno manifestato una situazione di squilibrio economico-finanziario e di evidente scollamento della realtà rispetto alle originarie previsioni del Piano Economico Finanziario a base del project. Questo ha già indotto la società a richiedere una revisione dei canoni al concessionario Firenze Mobilità nonché a veicolare tramite essa le necessarie richieste alla Amministrazione comunale. La società – ha proseguito Lo Presti- si riserva comunque qualsiasi azione idonea a ricondurre in equilibrio la gestione delle opere del project. Basta considerare che le altre otto strutture complessivamente considerate (senza prendere in esame, cioè, i 4 parcheggi del Project) realizzano un risultato operativo positivo di circa un milione di euro”. “Queste tre condizioni sono tutte condizioni possibili” afferma la Vicepresidente Donata Cappelli “ed è necessaria una azione di coordinamento per tornare ai livelli di produttività degli anni precedenti”.

Attualmente la Società copre il 5,4% del mercato della sosta con i suoi 12 parcheggi dislocati in punti strategici della mobilità urbana e metropolitana.

Proprio riguardo alla gestione dell’anno 2008 l’ Amministratore Delegato Piero Certosi rileva: “Abbiamo ridotto tutti i costi di gestione, non abbiamo provveduto a nuove assunzioni per la gestione dei parcheggi, due nuovi in questo 2008, Porta al Prato e Alberti, grazie al precedente investimento nella centrale remota; abbiamo ridotto il costo delle consulenze e quasi azzerato le spese di rappresentanza e per le sponsorizzazioni. Siamo riusciti a garantire un servizio efficiente con i soliti 40 dipendenti. Questa è la situazione ad oggi, ma la Firenze Parcheggi ce la farà a tornare in una strada positiva se proseguiamo sulle tre direzioni già dette”.

p. Firenze Parcheggi S.p.A., Dott.ssa Francesca Zatini, Francesca.zatini@libero.it; 334.2883949